mercoledì 7 settembre 2011

L'immigrazione in Israele.

Oggi vorrei fare qualche considerazione su come vengonoi trattati in nuovi immigranti qui. Prima di tutto un nuovo immigrato non é visto come qualcuno inutile, ma é una risorsa per il paese, non solo se é un cervello in fuga ma anche se é un manovale o uno scaricatore del porto. A tutti qua viene data l'opportunità di integrarsi nel lavoro e nella società. Questo lo si vede soprattutto nel modo come vengono gestiti i corsi di lingua ebraica (ulpan). L'accesso ai corsi é gestito in modo che tutti possono parteciparvi, indipendentemente dal loro lavoro (in effetti io e mia moglie lì abbiamo messi in crisi).
La cosa,che però sorprende di più é come durante il corso tutti sono spinti ad imparare la lingua e nessuno viene lasciato indietro. Interessante come poi le insegnanti siano realmente entusiaste nel loro insegnamento.
Finito poi il corso di lingue poi il passo successivo é la ricerca del lavoro, ma su questo argomento non ho ancora molta esperienza. Nella speranza di non saperne di più su questo argomento  vi saluto.