sabato 30 agosto 2014

In risposta all'ultimo articolo del sig. Ovadia (29/8/14)

Rispondo al signor Ovadia che con l'articolo di ieri sul fatto quotidiano ( Gaza, Moni Ovadia: “Io, ebreo, sostengo i diritti palestinesi. Ecco perché”)  ha espresso delle mezze verità se non delle vere e proprie falsità sulla situazione in Gaza. Prima di tutto, preciso che il sig. Ovadia ha il diritto di esprimere le sue idee e per questo non lo considero antisemita, ma certamente fortemente antisraeliano, soprattutto quando dice falsità sul conto di Israele e non parla mai dei difetti e dei problemi dei palestinesi e in generale del mondo arabo/mussulmano. Al limite annovera questi problemucci tra i palestinesi dovuti alla presenza di Israele e degli Stati Uniti, senza di loro il medio oriente sarebbe una Svizzera. Il Sig. Ovadia in questo articolo rimastica gli articoli del giornalista israeliano Gideon Levy, l'unico, a suo avviso, giornalista libero israeliano (mi viene da chiedere quanti sono i giornalisti liberi in Palestina?).
Tornando all'articolo che i benpensanti troveranno giusto (l'ha scritto un ebreo), voglio far notare l'atteggiamento dibattstiano di pensare: Israele assedia, Hamas ha ragione di tirare i missili su Israele. Ora il sig. Ovadia omette di dire che i razzi su Israele iniziarono nel 2001 quando effettivamente Israele governava Gaza insieme all'ANP (accordi di Oslo). Quello era il periodo della seconda intifada quando i terroristi palestinesi di Hamas, ma non solo, si facevano esplodere nei bar e autobus Israeliani. Nel 2005 il 'falco sanguinario' Sharon decise l'uscita di Israele da Gaza, troppo alto il costo economico di tenere impegnati i militari li', i coloni israeliani lasciarono dietro di loro una serie di infrastrutture agricole di primo ordine che vennero sistematicamente distrutte dai palestinesi. In quel periodo non c'era l'embargo a Gaza ma solo un controllo delle merci che arrivavano nella striscia perché i razzi cadevano ancora e più di prima. si arriva cosi' al 2007, anno in cui Fatah perde le lezioni in Gaza a favore di Hamas che con un colpo di stato prende il potere assoluto nella striscia, aumentano i lanci di missili e allora Israele inizia un blocco nelle importazioni di merci a Gaza. In tutto questo il Sig. Ovadia dimentica di dire che Israele ha sempre lasciato passare anche in periodi di guerra derrate alimentari, medicine e materiali da costruzione. Ma il sig. Ovadia dimentica anche di dire che Gaza non  e' circondata da Israele, ma confina con un altro paese arabo l'Egitto che si e' trovato, dopo la caduta di Mubarak, attaccato nel Sinai da terroristi che arrivavano da Gaza.
Da notare che da Gaza in 9 anni non e' mai arrivato uno spiraglio di accordo perché' in fondo, e questo non viene ricordato nell'articolo, lo scopo di Hamas e' di ammazzare tutti gli ebrei in Israele (leggere lo statuto di Hamas). Israele d'altra parte ha sempre sostenuto che  senza razzi e le minacce di distruzione da parte di Hamas sarebbe disposta a aprire le frontiere a tutti le merci per usi civili.
Detto questo sono felice che il sig. Ovadia sia contro quei gruppi "ultras filopalestinesi",  ma peccato che lui sia usato dai quei gruppi come bandiera per ripulirsi dall'accusa di antisemitismo. Perché sono convinto, a differenza del sig. Ovadia, che le manifestazioni dell'estrema sinistra contro Israele siano intrise di un anti imperialismo sionista dove comandano le lobby ebraiche,  dove i banchieri ebrei affamano il mondo e dove i  militari sionisti usano armi che provocano il cancro (ovviamente non esiste nessuna prova all'utilizzo di queste bombe, come non esisteva nessuna prova per l'avvelenamento dei pozzi da parte degli ebrei durante le pestilenze medioevali).
Comunque, sig. Ovadia non si preoccupi per lei la verità è solo propaganda sionista.


mercoledì 27 agosto 2014

come farsi bannare da dei fascisti di sinistra (99 posse)


Ragioni di un cessate il fuoco

Finalmente è arrivato il cessato il fuoco a tempo indeterminato. Precisiamo subito, non è una tregua e soprattutto non è la pace!
Questo è un accordo di massima per fermare le ostilità. In pratica Hamas, che strombazza una vittoria che non c’è, accetta quello che ha rifiutato una settimana fa: apertura dei valichi di frontiera sotto il controllo dell’autorità’ palestinese e allargamento della zona di pesca. Questo cambio è arrivato dopo una settimana dove la dirigenza di Hamas a Gaza è stata decimata e dopo che Abu Mazen ha fatto la voce grossa con Mashal, il capo di Hamas, comodamente alloggiato in albergo a 7 stelle in Qatar. Direi un punto a testa per Israele e Abu Mazen. Poi, tra un mese ci saranno le vere trattative e lì si vedrà chi sarà il vero vincitore: se Israele impedirà la costruzione di un porto commerciale e un aeroporto, strade di ingresso per un vero riarmo di Hamas, e un disarmo parziale della Striscia allora Israele di potrà essere soddisfatto.
In questo momento c’è malcontento nel pubblico di Israeliano contro Netanyahu, molti volevano l’annientamento di Hamas o quanto meno il disarmo. Certo le morti di tre civili israeliani, di cui un bambino, fanno ragionare molti con la pancia, ma bisogna tenere in conto alcuni fattori per cui è meglio avere un cessate il fuoco almeno per un periodo abbastanza lungo:
  •  Non c’era più la possibilità di annientare Hamas
  • L’appoggio internazionale per l’azione militare di Israele era terminato
  • I costi della guerra stavano lievitando a livelli insostenibili (questa è stata la terza guerra più lunga combattuta da Israele)
  • L’economia del sud di Israele era ferma
  • Tra una settimana deve iniziare la scuola, cosa molto difficile in caso di bombardamento da Gaza. Se non fossero state le condizioni di sicurezza per iniziare l’anno scolastico, le famiglie del sud di Israele avrebbero avuto grossi problemi per sistemare i figli causando un ulteriore rallentamento della produzione industriale. 
  • Il problema della 'Stato Islamico' che preme alle frontiere della Giordania 
Per il momento godiamoci ci il momento dopo tutto in Medio Oriente del domani non c’è certezza 

lunedì 25 agosto 2014

Ma ci prendono per scemi!

Il capo di hamas afferma:
"We do not target civilians, and we try most of the time to aim at military targets and Israeli bases," Meshaal told Yahoo news. "But we admit that we have a problem. We do not have sophisticated weapons. We do not have the weapons available to our enemy … so aiming is difficult. We do promise you, though, that we will try in the future and we will warn people … We have given warnings to Israeli civilians. We promise that if we get more precise weapons, we will only target military target".
In pratica, dateci l'atomica e noi promettiamo di usarla solo sui militari.
CI CREDIAMO SUBITO....MA VA DAR VIA I CIAP!
Fonte: http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-4562328,00.html

domenica 24 agosto 2014

ai 99 posse ed ai benpensanti loro amici

Finalmente c'e' stato il primo bambino morto anche tra gli israeliani, adesso siamo tutti più felici le cose si stanno mettendo in pari, i diranno i più benpensanti tra gli italiani.  No! risponderanno i più informati:  prima di tutto ce ne voglio molti altri di bambini israeliani per pareggiare il conto. Questa morte, pero',  basta per far vedere che anche i ProPal hanno un cuore: 
'Ai tantissimi bambini palestinesi uccisi a Gaza, si aggiunge il primo israeliano. Aveva solo cinque anni. Alla sua famiglia va il nostro cordoglio, i bambini non dovrebbero mai pagare per colpe che non hanno.'
 Cosi' scrivono i 99 Posse, bravi! Ma carissimi rappettari antagonisti sempre e comunque, non ricordate che tutti i missili arrivati su Israele sono stati tirati su città e insediamenti civili e mai su una base o aeroporto militare? non ci vuole molto a trovare dove sono, un occhiata a Google Maps e si trovano subito, ma no! da Gaza sempre i missili e i colpi di mortaio sono stati tirati su aree civili, e come in questo caso un kibbutz. Ma certo, stupido io, in Israele non ci sono civili, ma sono tutti coloni sionisti usurpatori del sacro territorio palestinese. (non lo dico io ma quelli di Hamas)."The time will not come until Muslims will fight the Jews [and kill them]; until the Jews hide behind rocks and trees, which will cry: O Muslim! There is a Jew hiding behind me, come on and kill him!" 
  1.  Anti-Semitic Motifs in the Ideology of Hizballah and Hamas, Esther Webman, Project for the Study of Anti-Semitism, 1994. ISBN 978-965-222-592-4
  

giovedì 21 agosto 2014

LEGGE DEL TAGLIONE

PER TUTTI QUELLI CHE DICONO: GLI EBREI HANNO INVENTATO LA LEGGE DEL TAGLIONE
INFORMATEVI PRIMA DI APRIRE BOCCA!!!


levitico 24, 19-20 :And a man who inflicts an injury upon his fellow man just as he did, so shall be done to him [namely,] יט. וְאִישׁ כִּי יִתֵּן מוּם בַּעֲמִיתוֹ כַּאֲשֶׁר עָשָׂה כֵּן יֵעָשֶׂה לּוֹ:

fracture for fracture, eye for eye, tooth for tooth. Just as he inflicted an injury upon a person, so shall it be inflicted upon him. כ. שֶׁבֶר תַּחַת שֶׁבֶר עַיִן תַּחַת עַיִן שֵׁן תַּחַת שֵׁן כַּאֲשֶׁר יִתֵּן מוּם בָּאָדָם כֵּן יִנָּתֶן בּוֹ:
interpretazione di Rashi (il massimo commentatore biblico): 
so shall be done to him: Heb. כֵּן יִנָּתֵן בּוֹ. Our Rabbis explained that this does not mean the actual infliction of a wound, but payment of money. [And how is an injury estimated? The victim] is evaluated as a slave [if he would not have had the injury, and how much with the injury, and the difference is the compensation]. This is why Scripture uses the expression נְתִינָה, “giving,” [thereby alluding to] something that is “handed over (הַנָתוּן)” from hand to hand. — [B.K. 84a]

A tutti i ben pensanti ...

A tutti i ben pensanti che dicono che ISIS e il terrorismo islamico siano dei movimenti di liberazione, rispondo che questi non sono novelli Che Guevara che vogliono portare giustizia e libertà! qui si parla di una lotta per la supremazia religiosa come le sanguinose guerre di religione europee del '500/'600 (leggere Q di Luther Blisset) . Se proprio pensate che questi abbiano ragione, prego, rinunciate all'illuminismo europeo e tornate indietro di 400 anni!

martedì 12 agosto 2014

Il PALESTINESIMO, la nuova religione: nota semiseria (parte 1)

In questi anni si sta imponendo una nuova religione specialmente negli ambienti laici dell’estrema sinistra, il PALESTINESIMO. In questa neo-religione, i suoi adepti venerano la bandiera palestinese ancora più che nella precedente religione, il comunismo, veneravano la falce e il martello. I sui adepti si riconoscono per la sciarpa bianca e nera o rossa chiamata kefiah e si riuniscono in luoghi di culto chiamati centri sociali e circoli culturali ‘partigiani’, di questo ne parleremo in un altro post.
I principi di fede sono pochi e chiari:
1-      I palestinesi sono la popolazione più disgraziata sulla terra e la sofferenza di ogni singolo palestinese e’ superiore a quella di ogni altra popolazione sulla terra.
2-      La ‘Palestina’ prima dell’arrivo dell’odiato nemico sionista era un paradiso in terra dove la gente viveva in pace e in amore, le piantagioni davano enormi quantita’ di cibo e le malattie non esistevano.
3-      Tutto quello che fa l’odiato nemico sionista e’ di principio sbagliato nell’entità sionista, chiamata impropriamente ‘Israele’.
4-      In Palestina non ha mai vissuto un popolo diverso da quello palestinese e gli ebrei sono un complotto sionista. Gesù era palestinese.
5-      Se non ci fosse l’odiato nemico sionista, tutti i problemi del medio oriente non ci sarebbero e dal Mediterraneo all’Afghanistan tutti si vorrebbero bene (vedi il punto 2) Se non ci fosse l’odiato nemico sionista, tutti i diritti civili di bambini, donne, lavoratori, omosessuali etc. sarebbero rispettati.
6-      Chiunque parli bene del’odiato nemico sionista e del suo stato satellite (USA) e’ fascista, nazista, colonialista, imperialista, affamatore di popoli etc…
7-      Tutti i gloriosi resistenti palestinesi hanno un alto valore morale e qualsiasi cosa facciano agli odiati nemici sionisti e i loro alleati sono degli eroi
8-      I gloriosi bambini resistenti palestinesi, sono innocenti fino ai 21 anni quando diventano popolazione civile
9-      Le pietre lanciate dai gloriosi bambini resistenti palestinesi sono innocue
10-   Gli odiati nemici sionisti sono tutti gli ebrei che occupano il sacro suolo palestinese e tutti gli ebrei mondiali che non si convertano al palestinesimo!
Continua (forse)